mercoledì 21 maggio 2014

AGENZIA MATRIMONIALE SHIDEJ di Sergio Gaut vel Hartman



«Prego, si abbandoni al godimento. Massimo piacere a letto e fuori.»
«E per quale motivo dovrei volere una foto di Nelson Mandela? È morto un secolo fa.»
«Non è Mandela.»
«No?»
«No. È un Vorterix di Goltren, simbiotico di grado due, trifalico e coprofago.»
«Lo chiedo ugualmente: perché mai dovrei volerlo?»
«Non cerca forse un marito? Non è venuta qui per averne uno? Questo è disponibile, e le vostre caratteristiche combaciano alla perfezione.»
«Almeno è maschio?»
«Approssimativamente, sì. Rammenti che è trifalico.»
«Approssimativamente?... Quale parte è quasi maschile?»
«Shidej, signorina, è una agenzia matrimoniale seria. Soddisfazione garantita in modo assoluto. Sia umano o extraterrestre, lo cambiamo tutte le volte che è necessario e, in caso estremo, le restituiremo il denaro.»
«Mi lasci vedere di nuovo l'immagine.» La donna osservò l'effigie per qualche minuto; poi guardò il titolare dell'agenzia. «Sa cucinare?» domandò alla fine.
«Da dio. Sa preparare raffinati manicaretti di mille mondi.»
«Dove devo firmare?»
 (Traduzione dallo spagnolo di Paolo Secondini)

5 commenti:

  1. Simpatico e originale racconto di Sergio.

    RispondiElimina
  2. Grazie, Paolo, per la traduzione e lo spazio che mi concedete Pegasus. Sempre un piacere vedere i miei racconti tradotti in italiano, una lingua che amo.

    RispondiElimina
  3. Non manca al racconto una sottile vena umoristica.
    G.S.

    RispondiElimina
  4. Alla fine, quello che conta è molto semplice e... essenziale. Divertente raccontino, decisamente umoristico, con un pizzico di larvata satira sull'attualità.

    Giuseppe Novellino

    RispondiElimina
  5. Dài, fantastico!!! E molto spititoso.
    Bravo, bravo Sergio.

    RispondiElimina